La discussione sull’articolo 18 è una presa in giro

L’Italia è al di sopra della media mondiale, non già di quella dei paesi industrializzati, come facilità di licenziamento. Eppure siamomo qui a farci prendere per i fondelli sull’articolo 18 invece di discutere su come rendere meno attraenti gli investimenti finanziari rispetto a quelli produttivi

READ MORE →

Mandiamo a scuola i nostri figli. Ma a Cuba, che è meglio.

Cuba spende il 13 per cento del proprio Pil in istruzione, mentre l’Italia non arriva al 5 per cento. Il che, in termini assoluti, è magari anche più del misero 13 per cento cubano gravato da 50 anni di embargo economico, ma la dice lunga sulla volontà politica di voler avere (tra le altre cose) una popolazione in grado di scegliere davvero i suoi rappresentanti.

READ MORE →

Circondati dalla guerra, non ci resta (a noi maschi) che cambiare sesso

Fino a che non riusciremo ad estirpare il godimento dato dall’oppressione non ci libereremo della guerra, che sia quella guerreggiata con i bombardieri o i kalashnikov oppure quella fatta anche a casa nostra costringendo alla povertà e alla miseria fette sempre più grandi della popolazione

READ MORE →

Guadagnare – Lucciole per lanterne (5)

Poi, se guardate bene il grafico qui sopra, capite perché non ho mai usato il termine guadagnare per indicare la quantità di danaro pubblico e privato che questi e molti altri signori, si sono messi in tasca. Perché, dopo aver visto il grafico, questo per me è rubare, non guadagnare

READ MORE →