E se domani (o delle primarie)

E se domani qualcuno avesse detto che 1) si devono tagliare possibilmente alla radice le spese militari, facendo rientrare i militari italiani in guerra dichiarata e quelli in guerre mascherate; 2) si deve dare priorità alla scuola pubblica, senza che un soldo dello Stato vada a finanziare in alcun modo …

READ MORE →

Egregio ministro Cancellieri, adesso basta

Lei, ministro Cancellieri, è un ministro “tecnico” che fa parte di un governo “tecnico” che nel nome dell’Europa sta facendo fare sacrifici giganteschi (qualcuno dice, sta mettendo alla fame) milioni di persone. Tecnicamente quindi dovrebbe sapere che in quasi tutta Europa le forze dell’ordine devono portare bene in evidenza sulle …

READ MORE →

Di Ambrosoli, o del pessimismo lombardo

La Lombardia è semre stata lasciata al centro, e alla destra. Fair play, o peggio: “Io non ti disturbo qui e tu non mi vieni a disturbare là”. O peggio ancora. “Io governo qui e ti faccio fare affari, tu governi lì e mi lasci fare affari dalle tue parti”. …

READ MORE →

Aboliamo gli ambrogini, rispettiamo Milano

Oggi ce l’ho con la Repubblica. “Niente Ambrogino per Alessandro Sallusti né per Armando Cossutta”, scrivono. Ora uno può pensare quel che vuole del vecchio Armando, e mi immagino che in consiglio comunale i due siano stati messi sullo stesso piano e oggetto di feroci trattative, visto che le candidature …

READ MORE →