mercoledì, Ottobre 20 2021
Casa Cervi
Casa Cervi

Mentre il Pd veleggia verso il cimitero delle balene (bianche) sarebbe anche ora che si cominciasse a riproporre le nostre idee. Per costruire qualche cosa che, possibilmente, non puzzi di palazzo e non abbia paura del confronto, ma nemmeno dello scontro anche duro.
Le mie sono queste:
1) si devono tagliare possibilmente alla radice le spese militari, facendo rientrare i militari italiani in guerra dichiarata e quelli in guerre mascherate;

2) si deve dare priorità alla scuola pubblica, senza che un soldo dello Stato vada a finanziare in alcun modo – diretto o indiretto – la scuola privata;

3) si deve rendere davvero universale il diritto alla salute, e lo si può fare reindirizzando i danari che lo Stato mette a disposizione della sanità privata (ospedali, centri di ricerca che vanno laddove l’industria vuole, laboratori di analisi, medicinali etc etc), e facendo fare i medici una scelta definitiva e chiara: o dentro o fuori;

4) lo Stato deve essere laico, e quindi libertà di culto per tutti, ma fuori dalle scuole, e ognuno con i propri soldi, non con i nostri;

5) lo Stato deve garantire il diritto alla casa, rendendo difficile la vita a chi specula sul mattone e rendendo costosissimo tenere case sfitte;

6) lo Stato deve intervenire per salvaguardare il territorio, requisendo i terreni abbandonati di proprietà privata e affidandoli a cooperative agricole che si impegnino a mantenerlo;

7) lo Stato deve garantire il diritto allo studio, sostenendo gli studenti e investendo sul loro futuro con borse di studio e redditi garantiti (anche in prestito) come quasi tutti i paesi civili fanno;

8) lo Stato deve tutelare la vita sociale, costruendo luoghi che riportino la socialità fuori dai centri commerciali (ad esempio rimettendo le panchine nelle piazze e nelle stazioni, sostenendo circoli e luoghi di ritrovo);

9) lo Stato deve garantire il lavoro, introducendo meccanismi che rendano sconveniente gli investimenti finanziari rispetto a quelli produttivi, favorendo la riqualificazione dei lavoratori e investendo su opere pubbliche di utilità sociale ed ecologica, tante piccole e diffuse sul territorio e non sulle grandi e inutili opere;

10) Lo Stato deve farsi garante della tutela dei beni comuni (acqua, luce, gas, comunicazione, salute, istruzione, ricerca etc etc) impedendo che si possa creare profitto su cose o beni che appartengono a tutti;

Che poi, a leggere bene, questi dieci punti non sono altro che la traduzione pratica della Costituzione Italiana, la più bella tra le mappe per trovare la felicità

Previous

Non c'è bisogno di fare dietrologia: basta la malafede dei politici che strumentalizzano anche la più estrema sofferenza

Next

Oltre la sovversione non rimane che l'impeachment

1 comment

  1. Lo Stato deve dare l’esempio, studiando per bene ogni articolo della Costituzione e metterlo in pratica.Solo così i cittadini posso ritonare ad avere fiducia. E quando ti FIDI non ci sono nè barriere nè nemici, finisce la paura e torna la serenità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also