lunedì, Settembre 27 2021

Oggi è il 25 aprile, la più bella delle feste, quella che celebra la liberazione dal nazifascismo. Eppure, «Questa è la prima volta, dopo i processi di Norimberga, dopo Eichmann, che l’Europa compie crimini di una tale entità, al di fuori di un conflitto armato».
E non lo dico io, giornalista e volontario soccorritore in diverse missioni umanitarie nel Mediterraneo Centrale. Lo dice Omer Shatz, professore universitario e collega di Enrico Letta nella prestigiosa Science Po, fucina di dirigenti e capi di Stato europei. 
Per questo l’indignazione che ha permeato le reazioni dei politici, influencer, opinion makers, giornalisti, insomma la pubblica opinione non solo è inutile, ma è anche dannosa: fa parte di quella propaganda che ha sterilizzato l’Europa – ma soprattutto l’Italia – nascondendo, raccontando bugie o peggio rendendo ineluttabile e indipendente dalla nostra volontà il peggior sterminio della storia europea del dopoguerra.

Gli oltre 15 mila morti calcolati nel Mediterraneo dal 2015 a oggi sono in realtà incalcolabili, perché per ogni strage di cui sappiamo ce ne sono altre decine di cui nessuno si accorge.
Quello che è calcolabile sono le cifre investite dall’Europa (circa 700 milioni di euro dal 2015) e dall’Italia (quasi 800 milioni dal 2017 a oggi) per sostenere un sistema in cui ogni strumento è valido pur di non fare arrivare profughi: valido lasciare affogare decine di migliaia di persone in mare; valido rinchiudere centinaia di migliaia di persone in campi di concentramento (o come li chiama il loro inventore Marco Minniti campi di accoglienza) dove la norma è lo stupro, la tortura, l’omicidio, il commercio di esseri umani.

Di tutto questo, forse, la maggior parte dei cittadini d’Europa non è consapevole. Ma certamente ne sono consapevoli i ministri, i funzionari statali o europei, gli influencer, i giornalisti che dovrebbero avere un etica che li dovrebbe obbligare a sbattere in prima pagina questo orrendo mostro che abbiamo costruito: il mostro che meriterebbe un nuovo processo di Norimberga.

No, l’indignazione ipocrita non è tollerabile, perché è parte della costruzione di una narrazione che vuole questo sterminio come inevitabile. Che dice che le Ong sono parte del sistema criminale dei trafficanti di esseri umani e che la “Guardia Costiera Libica” è legittimata a operare, che dice che la Sar libica è una realtà.

Le Ong, in realtà, spezzano quel cerchio che vede i migranti rinchiusi (e venduti come schiavi, stuprati, torturati, uccisi), poi messi su un gommone, poi recuperati dai libici e riportati indietro per essere nuovamente rinchiusi (e rivenduti, ritorturati, ristuprati) sempre dagli stessi gruppi di delinquenti che le autorità italiane e europee che riempiono di danari.
La Sar libica non può esistere perché – a detta di tutti, compresi gli stessi funzionari e politici italiani e europei) – la Libia non è un posto sicuro non solo per via della guerra, ma proprio per il sistema di gestione dei flussi migratori. 

Eppure la Sar libica, il sostegno alle bande di delinquenti più o meno in divisa sono figli delle nostre scelte politiche, inaugurate da Marco Minniti e pedissequamente perseguite da tutti i suoi successori.

Esistono scelte alternative che permetterebbero di uscire dalla barbarie in cui siamo stati precipitati?  Crediamo di sì. E sarebbero anche più economiche di quelle fatte fino ad oggi.

In primo luogo, la cancellazione dell’accordo di Dublino e l’apertura di veri corridoi umanitari. Poi, immediato, il congelamento di qualsiasi sostegno alla cosiddetta Guardia costiera libica e la cancellazione di quel mostro giuridico che è la Sar zone che i libici si sono auto-attribuiti con la regia italiana. Basterebbe che uno dei Paesi che hanno una zona Sar confinante (Italia e Malta) a ne disconoscessero la legittimità. 

Altrettanto immediatamente, andrebbero chiusi i campi di detenzione e di concentramento, investendo anche solo una piccola parte dei soldi spesi per foraggiare le bande criminali libiche in strutture di accoglienza e in personale dedicato alle gestione delle pratiche di richiesta di asilo, che oggi sono poche decine a fronte di decine di migliaia di richiedenti.

Per fare tutto questo, certamente ci vuole del tempo. E per questo bisognerebbe ripristinare l’operazione Mare Nostrum, che vedeva navi militari europee impegnate in operazioni di salvataggio fino a dentro le acque territoriali libiche.

Ma più di tutto ci vorrebbe una sana e corretta informazione, che rendesse la pubblica opinione consapevole di essere responsabile (l’ignoranza della legge non porta alla assoluzione) dei crimini peggiori compiuti dall’Europa dopo il nazifascismo.

Previous

Proiettili italiani nelle armi della polizia del Myanmar

Next

In Afghanistan finisce una lunga guerra inutile e costosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also